Quando un cliente chiede shabby chic

Uno stile di arredamento molto apprezzato per un arredatore è sempre una sfida. Ecco come la penso io.

Quando il cliente mi chiede un’ambientazione shabby chic ho sempre un primo attimo di panico.

La prima cosa a cui penso dopo la richiesta “mi piace classico, ma un po’ romantico, sa, di quelli di legno chiaro che si vedono sulle riviste.…”  è “ok, parla di shabby chic” e la seconda è “come creare una camera diversa dalle tante altre viste seppur con componenti sempre molto simili tra loro?”

Cameretta shabby chic.

Partiamo col dire che almeno il 70 % dei clienti introduce la propria ambientazione cosi, senza dire il nome.

Perché? ? mica shabby chic è una parolaccia….. eppure pochi dicono queste due semplici parole nella prima frase.

Forse perché temono di non pronunciarla correttamente?

Forse perché è  troppo “internazionale” e quindi molti non se la ricordano?

Insomma questa cosa è ancora un mistero e lo lasciamo tale perché non rappresenta il fulcro del problema.

Il fulcro è proprio personalizzare un progetto che il cliente ha nella propria mente come composto da pezzi sempre uguali ad un modello dato (legno bianco o panna,  articoli spesso intagliati e con decori floreali….) mi sono data come regole queste che vi elenco:

  • Come al solito partire dalle esigenze e darle come prioritarie). Nel caso dell’immagine erano quelle di avere un comò capiente,un letto alla francese e una scrivania.
  • Cercare pezzi semplici ma particolari. Magari nella finitura del materiale. Nell’immagine sono indicati pezzi magnolia con particolari foglia oro.
  • Porre molta attenzione ai particolari come lampade, tappeti, e suppellettili. Ancor meglio se sono a tema (marino, africano, legati ai viaggi ecc.)

Lasciare le pareti libere e una differenziarla dalle altre. In questo caso con una carta da parati con le tinte del tortora ma vanno bene anche altri colori purché ripetuti nei tessuti presenti.

Cosa pensate di questa cameretta di Antonella?? Fatemelo sapere nei commenti.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *