Progetto della zona giorno con cucina e sala per Fabio

Oggi vi propongo la zona giorno composta da cucina e sala della casa di Fabio.

Fabio vive in un appartamento da  12 anni e oggi, seppur ancora funzionale, il suo arredamento dimostra il peso degli anni che passano.

Oltretutto è cambiato il suo modo di vivere, non ha più intenzione di tenere decine e decine di oggetti e suppellettili che non usa mai, e quindi vuole meno mobili lasciando un ambiente più spazioso.

sala originaria
La vecchia sala di Fabio

 

Desidera una cucina con maggiore piano di appoggio e con la sua ne aveva pochissimo, siamo riusciti ad ottenere 60 centimetri in più inserendo un frigo a libera istallazione.

Inoltre nella soluzione originale aveva due divani e questo limitava molto lo spazio in centro alla stanza, ha deciso di sacrificarne uno per avere un comodo tavolo al posto di un tavolino trasformabile iniziale.

Abbiamo deciso di utilizzare una cucina dall’anta in laminato in finitura materica bianca alternata con le gole, zoccoli e piani di lavoro grigio.

render della cucina
render della cucina
cucina reale montata a casa di Fabio
cucina reale montata a casa di Fabio

Giochiamo invece con la contrapposizione dei colori nella sala: ante in questo caso materico grigio intervallato da strutture, piani e vani a giorno materico bianco come la cucina.

Al posto della carta da parati proposta alla fine Fabio ha optato per una parete di pietre.

 

render sala
render della sala
sala consegnata a casa di Fabio
sala consegnata a casa di Fabio

L’effetto finale ha soddisfatto Fabio che desiderava avere un ambiente più leggero e vivibile e la discarica ha ringraziato data la grande quantità di cose regalatele.

Ogni tanto tutti dovremmo prendere esempio e buttare i cimeli storici che tutti noi abbiamo nascosti da qualche parte lamentandoci poi di non avere posto per le cose che servono.

Ringrazio Fabio per le foto inviate e saluto tutti dandovi appuntamento alla prossima.

Visitate la pagina FB e, se vi va, flaggate un bel like.

Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *