Progettare bene le luci in cucina

Un buon progetto non è solo quello che si prende cura dei particolari della composizione con basi e pensili. Anche il benessere visivo in condizioni di luce poco favorevoli gioca un’importanza fondamentale. Io la penso così.

A mettere insieme quattro basi e quattro pensili, ammettiamolo, sono capaci un po tutti; se vogliamo metterli nero su bianco seguendo delle logiche ben precise legate ad esigenze specifiche diviene già molto meno facile, se aggiungiamo poi che in cucina dobbiamo trascorrere molte ore e spesso la maggior parte sono serali, allora ci accorgiamo che il lavoro non è per tutti, anzi, è proprio per pochi.

Le aziende di cucine oggi consentono, con elementi di serie, di illuminare gli spazi di lavoro in maniera più che soddisfacente: possiamo aggiungere strip led, fondi e schienali luminosi, lampade incassate, faretti e altro ancora, ma siamo veramente in grado di prevedere quanti di essi servono effettivamente?

luci led per cucina
Luce in cucina: luce sottopensile, faretti incassati, luci led integrate, fondi luminosi.

Ci sono delle osservazioni da fare quando si pensa all’illuminazione in cucina:

  • osservare le zone in ombra ed agire lì con una illuminazione diretta in quello spazio
  • illuminare i piani in cui si presuppone si potrebbero effettuare operazioni di precisione (affettare, condire ecc)
  • pensare ad una luce diffusa che consente di operare in cucina senza dover necessariamente accendere il lampadario principale
  • illuminare con luce diretta la zona pranzo
  • è possibile creare soluzioni scenografiche come ad esempio la luce negli zoccoli o sopra i pensili.

Una volta fatte le dovute considerazioni affidatevi ad un professionista in grado di progettare l’illuminazione più adatta all’ambiente mettendo le lampade in giusta quantità.

Progetto diurno per cucina

 

Progetto con luci per cucina

Se avete bisogno di noi contattateci e non dimenticate di mettere un like alla nostra PAGINA FACEBOOK per rimanere aggiornati sul mondo dell’arredo.

 

ph: Ernestomeda, Zecchinon cucine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *