Innovazione nei sanitari da bagno: il wc del futuro.

Non esiste una casa in cui non c’è, anzi, se non è uno solo ancora meglio: sto parlando del wc, tanto indispensabile ma spesso maltrattato oggetto di arredo della nostra casa.

Non si può certo dire che questo accessorio, re del bagno di evoluzione non ne abbia avuta: dal punto di vista cromatico al punto di vista del fissaggio molti modelli si sono susseguiti.

Oggi però vi parlo di una evoluzione più profonda, una evoluzione paragonabile all’innovazione della braga a muro al posto di quella a pavimento, o al bordo grosso o slim.

Penso di poter dire senza errore che tutte le marche andranno nella stessa direzione di uno delle più famose ditte produttrici di sanitari,la  Ideal standard.

Si, perché l’azienda belga nata del 1901, ha proposto il nuovo sistema di scarico aquablade, che riesce a unire in un perfetto matrimonio funzione, estetica e igiene in un unico prodotto.

I vasi aquablade sono senza brida (bordo interno al wc, ovvero quell’incavo da cui defluisce l’acqua per il risciacquo) e questo è un ottimo passo avanti per la facilità di pulizia.

Il vaso a sinistra è tradizionale, mentre quello a destra è senza brida.
Il vaso a sinistra è tradizionale, mentre quello a destra è senza brida.

L’ Ideal standard non è la prima a proporre un vaso senza di essa ma il sistema è innovativo per altro, infatti ad ogni scarico, AquaBlade ottiene massima pulizia, grazie a un innovativo sistema a doppio canale: il primo genera una lama d’acqua e il secondo spinge l’acqua intorno al bacino, generando due potenti getti frontali che rimuovono facilmente lo sporco.

doppio getto che si incontra
doppio getto che si incontra

Ad oggi questo sistema viene inserito solo in quattro serie: Tonic II, Dea, Connect e Connect air e nella serie Tonic e in base alla vostra scelta si trovano anche varie soluzioni estetiche di fissaggio, sia a terra (anche filomuro) che sospeso.

serie Dea
serie Dea

Secondo voi anche altre aziende si muoveranno in questa direzione? aquablade è il futuro?

Ditemi la vostra e state connessi alla pagina

Francesca

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *