Il ruolo della casa ai tempi del Coronavirus

Consigli pratici per vivere bene la casa nella quarantena dovuta al Coronavirus

A chi, come me, vive in Lombardia, questi giorni resteranno per molto tempo impressi nella mente.

Il famoso COVID-19, meglio conosciuto come Coronavirus, è giunto in Italia e ancor più nel dettaglio nella mia regione.

Il ruolo della casa ai tempi del Coronavirus

Da domenica ad oggi i casi aumentano a ritmo di circa 100 al giorno e probabilmente da qui ad un’altra settimana altri casi appariranno come funghi nel bosco dopo un periodo di pioggia in tutta Italia.

L’allarmismo non serve a nulla se non a vivere male, ma occorre senso di responsabilità da parte di tutti e armarsi di santa pazienza al calduccio tra le propria mura domestiche.

Proprio in questa situazione il ruolo della casa assume un’importanza fondamentale nel vivere bene.

Ho scritto più volte che vivere in un ambiente confortevole ci rende più sereni e ottimisti e questo concetto è ancora più vero in una circostanza di quarantena forzata dovuta al coronavirus.

Ecco quindi alcune riflessioni che possono aiutare a vivere quanto più possibile in maniera serena i giorni che verranno.

  • Arieggiamo frequentemente i locali e battiamo per bene i componenti in tessuto del nostro arredo (tende, cuscini del divano, piumoni ecc)
  • Organizziamo una parte di una stanza lasciandola possibilmente sgombra: può essere utile far esercizi fisici, come allunghi, step o altro.
  • Se abbiamo bambini strutturiamo al meglio la cameretta creando uno spazio apposito per il gioco quotidiano con le loro attività preferite, uno spazio che non sistemeremo a fine giornata, in modo che si sentano liberi di riprenderle in qualsiasi momento.
  • All’ingresso predisponiamo una cesta in cui riporre le scarpe prima di entrare in casa, in questo modo salvaguarderemo il pavimento da eventuali ospiti esterni.

Piccoli consigli, insomma, ma molto importanti per tenere il Coronavirus ben lontano da noi e dai nostri cari.

Buona quarantena a tutti, me compresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *