I 40 anni del letto Nathalie e di Flou festeggiati al Salone del Mobile di Milano.

Il letto Nathalie di Flou, forse uno dei letti più famosi al mondo, quest’anno compie 40 anni  e lo farà nel migliore dei modi: con una serie di eventi dedicati a lui nel tempio del design, il Salone del Mobile 2018.

Era il 1978, nacque la Flou e nello stesso anno un giovane Vico Magistretti disegnò un letto imbottito, il Nathalie, semplice ma rivoluzionario, caratterizzato da fiocchi nella testata, fiocchi che poi sono diventati il suo segno distintivo.

flou
Letto Nathalie Flou

Tutt’oggi questo letto è uno dei più venduti dell’azienda medese ed è sicuramente uno dei più riconoscibili nel proprio portfolio prodotti.

Oggi in molti pensando ad un letto imbottito immaginano sicuramente questo prodotto, che è diventato icona di comodità e morbidezza.

Ecco nel dettaglio tutti gli eventi legati a questo anniversario doppiamente importante:

  • L’azienda  propone “NATHALIE 40°” un’edizione speciale (limitata a 299 esemplari) che riproduce fedelmente una delle versioni dell’anno di lancio, ricostruita grazie alla collaborazione con i vecchi dipendenti dell’azienda.
flou
Versioni differenti per il letto di Flou Nathalie
  • Al letto sarà dedicato il cortometraggio “The perfect bow” (“Il fiocco perfetto”) che lo racconta attraverso storie, emozioni e aneddoti della vita delle persone che lo han vissuto. Il film sarà proiettato in anteprima Martedì 17 aprile, primo giorno del Salone, nello show-room Flou-Natevo di Milano dalle 10.00 alle 19.00.
fiocco
Particolare del fiocco per la testata letto Nathalie di Flou
  • Verrà pubblicato un volume celebrativo che narrerà le tappe più significative del percorso compiuto da Nathalie in parallelo con l’evolversi del gusto, del costume e delle tendenze della società dal 1978 ad oggi.

Se volete rinfrescarvi la memoria sulle novità dello scorso anno di Flou cliccate QUI per avere il mio report dal Salone del mobile 2017.

Nell’attesa di gustare quindi tutti questi bellissimi eventi ricordatevi di condividere l’articolo e passare dalla mia pagina FACEBOOK  per un like.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *