BONUS MOBILI: ecco le modifiche per il 2017

Nonostante ormai sia inserito da molti anni nelle varie leggi finanziarie che si sono susseguite,ci sono ancora molti dubbi riguardo questa agevolazione fiscale. Facciamo chiarezza in questo articolo.

Anche per l’anno 2017 è rinnovato il Bonus Mobili ed elettrodomestici legato alla ristrutturazione edilizia.

bonus
bonus mobili 2017

Il primo elemento da chiarire è proprio questo: cosa si intende per ristrutturazione? basta sostituire i pavimenti o un serramento? altri pensano basti imbiancare, invece non è cosi.

Gli interventi che rientrano nel bonus sono quelli di ristrutturazione straordinaria, quindi quelle opere edilizie che richiedono l’apertura di una DIA o di una SCIA.

In realtà ci sono interventi che non richiedono queste pratiche comunali, e in quel caso, prima di iniziare i lavori, il proprietario è tenuto a consegnare in comune una “dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà“.

Sempre il solito il rimborso Irpef che sarà in 10 anni e corrisponderà al 50 % della spesa fino ad un massimo di 10000 euro.

Possono beneficiare del bonus tutti coloro che hanno iniziato una ristrutturazione dal 1 gennaio 2016

Ma cosa si deve fare per ottenere il bonus?

E’ sufficiente acquistare i mobili pagandoli mezzo bonifico con causale “bonifico per lavori di ristrutturazione ai sensi dell’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986″  e fornire i dati dell’acquisto in occasione della dichiarazione dei redditi.

Assicuratevi molto bene, prima di iniziare i lavori, se rientrate nella legge oppure no e affidatevi a professionisti per chiedere consiglio in merito.

Per ulteriori approfondimenti ecco i link relativi al sito dell’agenzia delle entrate (link1 e video 2)

Spero vi sia utile questo articolo e vi invito a mettere like alla mia pagina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *